La morte non esiste, a che serve saperlo?

Ho voluto dare a questo podcast il titolo che si meritava, quello più giusto secondo me per continuare l’argomento affrontato nel primo podcast intitolato “C’è vita dopo la morte? Sì! E ti dirò il perché” che ti consiglio di ascoltare se ancora non l’hai potuto fare. Sì, la morte non esiste a quanto io so, non dico credo perché credere è una parola che si usa quando ci si crea un’opinione, un parere su una determinata cosa o idea o fatto. Il mio più che un parere è una certezza maturata dopo anni di studi. Da cosa deriva con esattezza tale certezza? Dal fatto che sono tali e tante le esperienze di premorte in tutto il mondo che è praticamente e matematicamente impossibile che non sia vero. Ma andiamo per ordine: cos’è una NDE. Prima di tutto la sigla sta per “Near Death Experience” che tradotto letteralmente vorrebbe dire “esperienze vicino alla morte”.

L’N.D.E. NON È UN FENOMENO SOLO DEI GIORNI NOSTRI

Differentemente da quanto si possa credere non è un fenomeno solo dei nostri giorni, infatti ci sono testimonianze scritte che risalgono a molti secoli fa, se ne trova traccia anche nella Bibbia. Il motivo per cui solo ultimamente se ne parla apertamente è abbastanza ovvio. Uno dei tanti (direi uno dei principali ostacoli della diffusione di questo tipo di notizie), era dovuto alla inevitabile ignoranza degli uomini del tempo, e ne parlo con tutto il rispetto possibile visto che sto parlando anche dei miei antenati, impossibilitati a dare anche la più piccola spiegazione a questi fenomeni sia a livello scientifico che religioso che logico appunto perché ne ignoravano l’esistenza. Raccontare di essere tornato dall’aldilà sarebbe equivalso a dichiararsi pazzo da legare, con la certezza assoluta di essere rinchiuso in quelle tremende case di cura per disturbi mentali che un tempo chiamavano manicomi, dove le persone venivano tenute segregate in condizioni a dir poco infernali. Nessuno sano di mente si sarebbe esposto a una tale sofferenza. Quindi chiunque vivesse tali esperienze se le teneva per sé conscio del fatto che nessuno, neanche le persone a lui più care, le avrebbe accettate. Oggi i tempi sono cambiati e la scienza ha fatto passi da gigante, le varie correnti religiose sono più “permissive” di un tempo e le menti sono più aperte e più informate. Oggi si può parlare liberamente di tutto e nessuno ci fa caso più di tanto.

COSA CI INTERESSA VERAMENTE OGGI?

Ma devo fare una considerazione su questo: se da una parte gli uomini hanno la possibilità di avere una mente più aperta e, azzardo il termine, “tollerante”, dall’altra sono anche più “desensibilizzati” nei confronti di notizie importanti che un tempo avrebbero fatto scalpore, ma che oggi, con il costante bombardamento di news a cui siamo sottoposti ogni giorno, vere o false che siano le notizie che leggiamo, in qualche modo ci trova ormai assuefatti, alquanto abituati e ormai poco interessati alle numerosissime notizie gridate ai quattro venti. In realtà, a mio avviso, è una delle più sconvolgenti e rivelatrici scoperte del Ventunesimo secolo.

LA RIVELAZIONE DEL SECOLO

Ma andiamo per ordine. Immaginiamo per un momento che i giornali di tutto il mondo ne parlassero come di una rivelata scoperta scientifica, e scrivessero a caratteri cubitali, “Finalmente la morte è stata sconfitta”, Sottotitolo: “Da oggi nessuno più potrà definirsi morto perché la vita eterna esiste ed è reale quanto, e più della vita. Grande scoperta, l’uomo è un essere immortale”. Forse farebbe notizia per un po’, unita a tante altre degli ultimi periodi ma, dopo qualche giorno, una settimana, un mese forse, si tornerebbe di nuovo a fare la vita di sempre? La notizia ci permette di pagare la bolletta di casa? O ci assicura un posto fisso? Non direi. Oggi come oggi, siamo più attaccati al vivere quotidiano e ai problemi che ne conseguono che a notizie di questo tipo, lontane da noi perché non utilizzabili ai fini della sopravvivenza quotidiana, e la mia non è certo una critica, capisco bene, anzi benissimo, i problemi quotidiani sono molto più concreti, ed è impellente risolverli al più presto, e non sempre c’è il tempo né la voglia di pensare ad altro, e allora ci diciamo: “se ne parlerà quando avverrà”, oppure: “per il momento pensiamo a cose più importanti”.

SIAMO POTENTI SPIRITI IMMORTALI

Questo credo sia l’atteggiamento più diffuso, ma a mio avviso è un vero peccato, se ci pensi bene. Lungi da me giudicare, ma è un’occasione da non perdere, e ti spiego perché. Lo studio delle NDE svela che effettivamente la visione che l’umanità aveva della morte fino ad ora, come l’abbiamo conosciuta ed intesa, non solo non era corretta ma nascondeva una verità inattesa e quantomai inaspettata, e cioè il fatto che siamo potenti spiriti immortali che una volta lasciato il corpo, migriamo in una realtà completamente diversa dalla nostra, ma reale e tangibile quanto la nostra. Siamo sempre noi, ma non del tutto. Ne parlerò in seguito quando tratterò nel dettaglio cosa c’è dall’altra parte. Una volta di là, ciò che siamo è luce che vibra ad una frequenza molto superiore a quella del nostro corpo sulla terra. Siamo esseri di luce, forme di energia senziente.

COM’È FATTO DIO?

La cosa non dovrebbe stupirci visto che ci è stato già rivelato nella Bibbia che siamo “fatti ad immagine e somiglianza di Dio” e non credo che ci sia ancora qualcuno che pensi che la forma originaria di Dio fosse di una persona in carne ed ossa, o no? Il fatto è che spesso le parole prendono forma diversa secondo la persona che le ascolta. Ognuno vede ciò che vuole vedere, ed anche questa affermazione è stata avvallata da studi scientifici e da un mare di studi sulla comunicazione, metalinguaggi, psicologia, e chi più ne ha più ne metta. Le parole sono piccoli contenitori di significati che ognuno di noi interpreta a suo modo e non è detto che tutti noi abbiamo la stessa immagine in mente di come può essere fatto Dio in persona. Hai mai pensato che la forma non è essenziale per un Dio quanto lo è l’essenza? È presumibile pensare che Dio può non avere forma e viceversa avere qualsiasi forma? Disquisizioni, lo so, per questo non è importante come ti immagini Dio, importante è che tu lo percepisca nel tuo cuore e creda in Lui come Lui crede in te.

I CAVALIERI DELL’APOCALISSE

Ma torniamo alla divulgazione del fatto che siamo potenti spiriti immortali: non è la notizia più incredibile del Secolo? Eppure non pare che l’umanità se ne sia accorta o se ne renda conto. Ma, visto lo scenario che gli si prospetta dinanzi proprio in questo periodo che stiamo vivendo, in realtà dovrebbe farlo per il suo bene, per il suo stesso bene. Ogni giorno davanti ai nostri occhi ci sono guerre, carestie, pestilenze, genitori che uccidono i figli, figli che uccidono i genitori, non sembrano i segni dei quattro cavalieri dell’Apocalisse? Spesso mi torna in mente la frase di Gesù sulla croce, quando prima di morire disse, “perdona loro, perché non sanno quello che fanno”, questa frase mi ha sempre fatto rabbrividire, e ora so il perché. Ti pare che questi uomini sappiano quello che fanno?

COSA CAMBIEREBBE NEL MONDO SE…

Ora segui il mio ragionamento per un momento e pensa a cosa cambierebbe nel mondo, se l’umanità intera prendesse seriamente in considerazione questa notizia e l’accettasse come verità assoluta. Provo ad ipotizzare qualche scenario: uccidere, per esempio, non sarebbe più una cosa da prendere in considerazione, se l’uccisore avesse la certezza che, una volta passato il velo tra questo e l’altro modo, si troverebbe di nuovo di fronte la persona che ha ucciso, a chiedergli ragione dell’atto compiuto, e lui, pienamente consapevole del fatto di aver ucciso un fratello, dovesse espiare un tale rimorso nell’aldilà per un tempo indefinito: sarebbe terrificante non credi? Il rimorso e l’impossibilità a perdonarsi è indubbiamente una sofferenza da non augurare a nessuno, figuriamoci in un luogo dove il tempo non esiste. Non è questo l’inferno di cui sia parla tanto?

CHE TIPO DI RICCHEZZA CERCHI?

Seconda cosa, diverrebbe inutile accumulare fortune visto che, una volta passato il velo, non servirebbe a niente avere soldi o cose materiali, consapevoli del fatto che l’accumulo egoistico non porterebbe vantaggi per la crescita e l’evoluzione dello spirito nell’altra dimensione. Cambierebbe il concetto stesso di ciò che significa essere ricchi. Non sarebbero più i soldi la moneta di scambio ma la bontà e la generosità, unica moneta valida nell’aldilà. Un altro punto importantissimo sarebbe quello del rapporto interpersonale tra gli uomini. Cambierebbe infatti anche il modo di concepire la tua vita in relazione al tuo prossimo, una volta compreso che le azioni che compi comportano un arricchimento personale ed aiutano la crescita evolutiva del tuo spirito nell’aldilà. Sarebbe quindi quantomai inappropriato e a dir poco controproducente comportarsi in modo malvagio o scorretto. Nell’aldilà siamo tutti fratelli dello stesso padre e per trasposizione logica anche qui sulla terra. Cosa succederebbe? Finalmente ogni uomo non vedrebbe più nemici perché di colore diverso, o razza, o religione, ma solo fratelli da accudire e proteggere.

IL PARADISO IN TERRA

Potrei andare avanti per ore, ma il nocciolo della questione è che comportarsi bene (cioè nel modo migliore possibile, a livello morale, spirituale, personale) in questa nostra breve vita sarebbe di estrema importanza al cospetto e nella certezza dell’eterna vita che ci attende nell’aldilà. Sarebbe una vera e propria rivoluzione globale votata al bene. La nostra terra diverrebbe un piccolo paradiso in questa dimensione materiale, e una meta agognata per quelli dell’altra dimensione immateriale. Non un inferno di sofferenze com’è ora. Vedi bene che tutto questo non è ancora avvenuto, ergo, la notizia che la morte non esiste, al momento, non interessa più di tanto. D’altro canto, chi sono io per cambiare le cose se neanche Gesù in persona ci è riuscito, e lui faceva miracoli. Ma sai una cosa? Anche io posso fare un piccolo miracolo, oggi il miracolo può passare attraverso il web e accendere il cuore di migliaia di persone in pochi giorni. Le strade del Signore sono infinite, il web non è forse una di queste? 

CONTINUA A SEGUIRMI

Nel prossimo podcast continuerò a parlarti di NDE e dei misteri che ancora nasconde. Prima di salutarti ti ricordo che se desideri prendere un appuntamento on-line con me puoi farlo andando sul mio sito, francopassarini.it, dove trovi i miei recapiti, e tutti i servizi che metto a tua disposizione. Coaching, Consulenza Astrologica, Tema Natale, Cartomanzia captativa, Spiritualità, Religione, Karma, e tanto altro riguardante i misteri della vita, come la NDE, e le ultime scoperte. Quindi segui il mio podcast e clicca mi piace o lascia un commento, mi aiuterai a migliorare e a proseguire questo progetto. Al prossimo podcast e buona vita!

Qualora Volessi Conoscere E Approfondire Il Significato Del Tuo Tema Natale In Relazione Alle Tue Peculiari Ed Innate Caratteristiche Temperamentali Puoi Contattarmi Andando Nella Pagina Al Link Qui Di Seguito “Modulo Di Richiesta Nel Sito”. Riceverai Nella Tua Casella Di Posta Tutte Le Spiegazioni, Specifiche E Prezzi Relativi Ai Servizi Che Metto A Tua Disposizione Tra Cui Potrai Scegliere.

Torna su